Fondo sociale di comunità: terminata la distribuzione su tutto il territorio dei beni donati da WeWorld

11 mila le persone raggiunte, ecco il report con i primi risultati del progetto Un piatto per tutti

Immagine del progetto
 

Si è conclusa la distribuzione dei prodotti di prima necessità donati da WeWorld al Fondo sociale di Comunità.

I beni, dal valore complessivo di 280.000 euro, sono stati distribuiti tra aprile e giugno ad oltre 11 mila persone sul territorio metropolitano, di cui il 40% minori. Un risultato ottenuto grazie al contributo organizzativo di empori solidali, associazioni e altri soggetti che si occupano di distribuzione di beni primari che si sono coordinati  a livello distrettuale per il ritiro e la consegna di pannolini, assorbenti femminili e prodotti per la cura e l’igiene della persona, alle famiglie più in difficoltà.

Ad occuparsi della gestione dei prodotti è stato Volabo - Centro Servizi per il Volontariato (gestito da A.S.Vo. ODV) che ha avuto un ruolo fondamentale di supporto organizzativo e di coordinamento dei ritiri dei beni e nel rafforzamento delle reti territoriali.

A conclusione di questa azione del progetto Un piatto per tutti, è stato realizzato un report a cura di Volabo e di Città metropolitana di Bologna in cui si trovano i principali dati raccolti sul numero di persone beneficiarie, sulle reti e sui soggetti che hanno contribuito alla realizzazione di questa azione.

 

"Il progetto Un piatto per Tutti - afferma Virginio Merola, sindaco della Città metropolitana – è un’azione concreta per il sostegno alle persone e alle famiglie che più sono state colpite dall’emergenza Covid. Forte è poi l’impatto del Fondo sociale di comunità nella costruzione di un welfare di comunità, perché costruisce e rafforza reti territoriali in grado di collaborare attivamente nella ridistribuzione di beni e in azioni di contrasto alla povertà".

 

“L’intento di Un piatto per tutti è quello di non lasciare indietro nessuno. E ci stiamo riuscendo grazie alla fondamentale collaborazione tra pubblica amministrazione e Terzo Settore - afferma Alberto Pullini vicepresidente A.S.Vo. ODV - È una delle innumerevoli dimostrazioni del fatto che mai come ora l’azione volontaria, a fianco dell’amministrazione locale, è fondamentale per sostenere le famiglie e le persone più vulnerabili. Ma soprattutto questo progetto e più in generale il Fondo sociale di comunità Dare per Fare di cui fa parte, dimostrano che esiste una comunità pronta a compiere gesti concreti ciascuno secondo le rispettive disponibilità (da una donazione ingente di beni o in euro di una grande azienda a un’ora di volontariato per migliorare la qualità della vita di tutti). È questa generosità e questa energia che si concentra e si propaga anche in situazioni estreme e imprevedibili come quella in cui ci troviamo, a rendere la città metropolitana bolognese una comunità realmente capace di prendersi cura delle persone”.

 

 

Il Fondo sociale di comunità “Dare per fare” è stato lanciato a dicembre 2020, promosso dalla Città metropolitana e Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria Metropolitana-CTSSM in collaborazione con il Comune di Bologna e le Unioni e i Comuni dell’area metropolitana, insieme a sindacati, imprese e loro associazioni, società partecipate, Terzo settore, Fondazioni. L’obiettivo è raccogliere risorse, beni, progetti, idee per rispondere ai bisogni economici e sociali delle persone, dovuti principalmente all’emergenza Covid. Il tutto sarà distribuito sul territorio metropolitano attraverso la rete dei servizi sociali, educativi e per il lavoro, e destinato a quattro aree prioritarie di intervento: il sostegno al mantenimento della propria casa, la distribuzione di beni alimentari e di prima necessità, la messa a disposizione di dispositivi digitali, il supporto alla partecipazione a percorsi formativi per facilitare l’inserimento lavorativo.

 

Puoi scaricare il report a questo link .

 
 
Data di pubblicazione: 30-07-2021
Data ultimo aggiornamento: 26-08-2021
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy