Vigilanza faunistico-venatoria, 175 Guardie volontarie supporteranno la Polizia locale della Città metropolitana

Rinnovata fino a fine 2023 la convenzione con le organizzazioni di volontariato

immagine Polizia locale
 

Con atto del sindaco metropolitano è stata approvata la convenzione fino al 31 dicembre 2023 fra Città metropolitana e le organizzazioni di volontariato per il coordinamento delle attività di vigilanza piscatoria, venatoria, ambientale e zoofila prevalentemente in aree extra urbane.

Obiettivo è quello di realizzare e rafforzare ulteriormente un modello organizzativo, dinamico, in virtù del quale l'azione di vigilanza e controllo del territorio da parte della Polizia locale della Città metropolitana sia integrata dalla presenza coordinata del volontariato e in particolare delle Guardie Giurate Volontarie, anche specialisticamente distinte. "Sono figure apprezzate dalle Amministrazioni e dai cittadini, che operano, è bene sottolinearlo, come incaricati di pubblico servizio. A tutti loro va il nostro più sentito ringraziamento", commenta Paolo Crescimbeni, consigliere delegato alla Polizia locale.

Per assicurare quindi una maggiore ampiezza all'attività di vigilanza faunistico-venatoria la Città metropolitana si avvarrà anche per il prossimo anno del supporto di circa 175 delle Guardie Giurate Volontarie abilitate, così ripartite per organizzazione: ARCICACCIA, Bologna Zoofila, CIA, FIPSAS, ANLC, EPS, FIDC, FIDC Imola, Italcaccia, Rangers, WWF, CGAM, ENAL CACCIA, CPGEV e ENPA.

L'attività delle Guardie Giurate Volontarie è volta ad arricchire anche con interventi minuti, ma con una disponibilità quotidiana, i servizi svolti ordinariamente dagli agenti della Polizia locale metropolitana, contribuendo in particolare all'applicazione della normativa vigente in materia di tutela dell'ambiente, della piccola fauna e degli animali da affezione, dell'attività venatoria e di pesca, oltre a concorrere alla protezione del patrimonio naturale e partecipare attivamente alla migliore gestione del territorio (si ricorda l'impegno dei volontari durante il gelicidio dell'inverno 2017 e 2018, le esondazioni in pianura del 2019 e 2020 e siccità dei fiumi 2018).

Il coordinamento della vigilanza volontaria è attuato mediante riunioni mensili a cui parteciperanno oltre agli agenti della Polizia locale metropolitana, le Guardie giurate volontarie assegnate alle zone di vigilanza. Gli incontri rappresenteranno un'occasione di aggiornamento formativo e favoriranno un legame più stretto tra il corpo, i volontari e il territorio di riferimento. Presso la Città metropolitana è inoltre istituito un tavolo tecnico – coordinato dal responsabile del Corpo di Polizia e composto dai rappresentanti di tutte le forme del volontariato firmatari della convenzione – dedicato all'esame delle questioni operative.

Il rilascio del decreto di Guardia Giurata Volontaria ittico–venatoria, che assicura al soggetto una particolare tutela, è effettuato dal Dirigente responsabile del Corpo di Polizia provinciale, su richiesta del Responsabile di un'Associazione venatoria, agricola o protezionistica riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente, presente nel Comitato tecnico faunistico–venatorio nazionale come previsto dalla Legge 157/92.


La Convenzione prevede inoltre la possibilità di un contributo riconosciuto a parziale ristoro delle spese affrontate dai volontari e a rendicontazione delle attività svolte, anche di formazione, o per il concorso all’acquisto di strumentazioni e materiali, di pronto uso nelle attività e nei servizi svolti con e per conto della Polizia, per una spesa massima di 28.000 euro.

 
 
Data di pubblicazione: 16-06-2022
Data ultimo aggiornamento: 20-06-2022
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy