Le Notti delle Sementerie, torna il Festival di teatro contemporaneo sotto le stelle

Dall'8 luglio al 7 agosto artisti noti e giovani talentuosi si alternano in spettacoli preziosi e curiosi

Dallo spettacolo El loco y camisa
 

Con 13 giornate di spettacolo, uno spettacolo internazionale, due prime nazionali, quattro repliche del Sogno di una notte di mezza estate, nove compagnie teatrali ospiti, 32 artisti coinvolti e 50 tonnellate di paglia, prenderà il via l’8 luglio nello spazio agri-culturale Sementerie Artistiche (via Scagliarossa 1174) di Crevalcore la settima edizione de Le Notti delle Sementerie, festival di teatro contemporaneo sotto le stelle.

Il festival ruota attorno a un singolare teatro di paglia, teatro effimero che ogni anno viene progettato in base alle caratteristiche degli spettacoli che dovrà accogliere, con tanto di quinte, fondale, sedute, e poi alla fine del festival torna ad essere paglia, scomparendo dal campo.

Fino al 7 agosto artisti noti e giovani talentuosi del teatro contemporaneo si alternano in scena in spettacoli preziosi e curiosi.
Alcuni degli spettacoli sono introdotti alle 19.30 da CUT brevi indagini sonore prima della visione, approfondimenti critici a cura di Altre Velocità. Incontri informali in cui raccogliere spunti, consigli di lettura e indicazioni per avvicinarsi con nuovi strumenti allo spettacolo.

Il Festival si apre venerdì 8 luglio (ore 21) con lo spettacolo, filo conduttore di tutto il festival, Sogno di una notte di mezza estate, in prima nazionale (in replica il 16, 20 e il 29 luglio) regia di Federico Grazzini della compagnia Sementerie Artistiche. 
Sabato 9 luglio (ore 22) l’attrice comica Annagaia Marchioro porta al teatro di paglia #Pourparler, spettacolo che si ispira alla stand-up americana, declinandola in una modalità personalissima. 
Mercoledì 13 luglio (ore 22) Mario Perrotta, tra gli interpreti più significativi del teatro contemporaneo presenta Un Bès Antonio Ligabue, lavoro che ruota intorno alla figura del pittore Antonio Ligabue e al suo rapporto con i luoghi che lo segnarono nella vita e nella creazione artistica.
Venerdì 15 luglio (ore 22) la compagnia Kepler-452 presenta Gli Altri, indagine sui nuovi mostri, drammaturgia e regia di Nicola Borghesi e Riccardo Tabilio. Un reportage teatrale che punta i riflettori sugli hater e il mondo della socialità virtuale.
Venerdì 22 luglio (ore 22) il Festival ospita lo spettacolo, in prima nazionale, La Cella di seta - Io e Marco Polo di Marco Gnaccolini e Alberto Rizzi, interpretato da Francesco Gerardi e Giorgio Gobbo. Il lavoro, partendo dall’incontro storico di Rustichello e Marco Polo, è un racconto avventuroso e poetico sulla forza del racconto di chi torna da lontano, portando visioni di un mondo inimmaginabile.
Sabato 23 luglio (ore 22) grande energia per lo spettacolo Lei Lear di e con Chiara Fenizi e Julieta Marocco, anche registe assieme ad André Casaca. Uno spettacolo cacofonico, un volo ribelle e spiritoso su alcuni elementi della narrativa di Re Lear, dal punto di vista delle sorelle malvagie, Goneril e Reagan, all’interno di una cornice beckettiana e clownesca. 
Mercoledì 27 luglio (ore 22) in scena nel teatro di paglia lo spettacolo di grande intensità Istanbul beat di e con Deniz Özdogan, attrice turca, naturalizzata italiana, considerata una vera e propria fuoriclasse della scena sia cinematografica che teatrale. Lo spettacolo è un viaggio in sette capitoli. Una cantata, un omaggio, un tentativo di riconnessione che Deniz Özdoğan dedica alla sua città, al grande ventre che l’ha generata, alla sua Istanbul. 
Sabato 30 luglio (ore 22) l’istrionico attore e regista Stefano Cenci presenta l’irriverente Wonderboom, un'asta giocosa dove è possibile salvare, pezzo dopo pezzo, il puzzle complesso del materiale umano e poetico del territorio che la ospita. Sei disposto a pagare per salvare le bellezze della tua città? I ricordi delle persone che l'hanno vissuta, l'arte, la natura, i suoi sapori? Cosa invece sei disposto a lasciare andare nell'oblio?
Mercoledì 3 agosto (ore 22) va in scena La vita salva di e con Silvia Frasson, talentuosa interprete dei registi più significativi del teatro contemporaneo come Gigi Dall’Aglio, Stefano Massini, Massimo Castri e Leo Muscato. Lo spettacolo racconta di un evento cruciale che fa incastrare le vite di sconosciuti. Protagonisti di queste storie sono personaggi i cui destini si intrecciano, ognuno con i suoi desideri, ognuno con la sua quotidianità. 
Domenica 7 agosto (ore 22) gran finale alle Sementerie con lo spettacolo-cult El loco y la camisa, lavoro considerato un punto di riferimento indiscusso del teatro indipendente argentino, scritto e diretto da Nelson Valente. El loco y la camisa è una commedia noir, dolce e gioiosa al tempo stesso. Una drammaturgia che intreccia diversi temi: follia, vita familiare, verità rivelate e violenza domestica. Dal 2009 ad oggi El loco y la camisa ha replicato senza interruzioni a Buenos Aires, in tournée internazionali e festival.

L’ingresso agli spettacoli è a pagamento con la formula del Biglietto Responsabile che offre diverse fasce di prezzo a scelta del pubblico e la tessera associativa 2022.
15 € - Tessera associativa inclusa
5 € + 3 € di Tessera associativa

Per info e partecipare agli spettacoli è necessaria la prenotazione su www.sementerieartistiche.it
Per info e prenotazioni last minute contatta il numero 388 2460985

 
 
Data di pubblicazione: 30-06-2022
Data ultimo aggiornamento: 04-07-2022
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy