Protocollo d'intesa per favorire azioni di uguaglianza nell'ambito del lavoro retribuito

Sottoscritto tra Città metropolitana e Comune di Bologna, Ordini professionali e Comitato unitario dei professionisti e delle professioniste dell'Emilia-Romagna (CUP-ER)

Immagine della firma
 

Una nuova alleanza con il mondo delle professioni per costruire azioni a favore dell’uguaglianza nell'ambito del lavoro retribuito. Con questo intento mercoledì 10 luglio è stato sottoscritto il Protocollo d’intesa tra Città metropolitana e Comune di Bologna, Ordini professionali e Comitato Unitario dei Professionisti e delle Professioniste dell’Emilia-Romagna (CUP-ER). La sottoscrizione è una delle azioni previste dal Piano per l'Uguaglianza della Città metropolitana e parte delle iniziative de "La Grande Disuguaglianza 2024, il Piano per l'Uguaglianza racconta il secondo anno di lavoro". 

Tre gli ambiti principali di azione previsti nel Protocollo:

  1. Diffusione di buone pratiche di parità di genere per favorire il Principio di uguaglianza all’interno degli Ordini Professionali aderenti al Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi Professionali dell’Emilia-Romagna (CUP-ER) e degli Ordini aderenti al Protocollo.
  2. Favorire la condivisione delle buone prassi trasversalmente al Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi Professionali dell’Emilia-Romagna (CUP-ER) e degli Ordini aderenti al Protocollo.
  3. Favorire il confronto e la collaborazione per sviluppare, in una logica pubblico-privata, azioni previste nel Piano per l’Uguaglianza della Città metropolitana di Bologna.

 

Gli Ordini sottoscrittori del Protocollo sono: Avvocati di Bologna, Ingegneri di Bologna, Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Bologna, Assistenti Sociali dell’Emilia-Romagna, Biologi dell’Emilia-Romagna e delle Marche, Chimici e Fisici dell’Emilia-Romagna, Farmacisti di Bologna, Professioni Infermieristiche di Bologna, Psicologi dell’Emilia-Romagna, Tecnici Sanitari di Radiologia Medica (TSRM) e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (PSTRP) di Bologna, Veterinari di Bologna, Commercialisti ed Esperti Contabili di Bologna, Consiglio Notarile di Bologna, Periti Agrari e Periti Agrari Laureati di Bologna, Periti Industriali delle province di Bologna e Ferrara, Consulenti del Lavoro di Bologna, Agronomi e Agronomi Forestali di Bologna, Geologi dell’Emilia-Romagna, Geometri e Geometri Laureati di Bologna, Agrotecnici e Agrotecnici Laureati di Bologna, Fisioterapisti di Bologna e Ferrara. 

Ciascun ordine aderente nominerà un/a referente per l’attuazione e per il monitoraggio del miglior svolgimento del Protocollo. Potranno essere svolti incontri di aggiornamento e verifica dell'andamento delle attività previste. Il Protocollo si concretizza attraverso la definizione e condivisione di un Piano operativo definito annualmente che sarà attuato di concerto tra Città metropolitana, Comune di Bologna e CUP- ER. Il Piano operativo è volto anche a promuovere il Piano per l’Uguaglianza in ambito professionale con azioni pratiche, concrete e nuovi progetti nelle 5 aree di intervento (1. Lavoro Pagato 2. Lavoro non Pagato 3. Contrasto alla Violenza di Genere 4. Cultura dell’Uguaglianza 5. Contrasto alle Discriminazioni multiple, additive e intersezionali). 

In particolare, per quanto riguarda la diffusione di buone pratiche di parità di genere per favorire il Principio di uguaglianza all’interno degli Ordini, il Protocollo impegna le parti a mappare annualmente le policy e le azioni di uguaglianza promosse e sviluppate, condividere informazioni relative allo stato di diffusione dei dati e delle azioni di uguaglianza, implementare la pratica del bilancio di genere, definendone, anche con Città metropolitana, Comune di Bologna, Università ed Enti di ricerca, linee guida e indicatori standard. E ancora, all’interno degli Ordini si realizzeranno dei monitoraggi periodici dei dati retributivi e del conseguente potere di acquisto per genere, relativi ai diversi profili professionali/ambiti di attività e si promuoverà l’utilizzo di strumenti di monitoraggio dell'impatto delle diverse forme di flessibilità lavorativa utilizzate, quali ad esempio il lavoro agile.

Per favorire il confronto e la collaborazione per quelle azioni particolarmente in linea con le diverse aree del Piano per l’Uguaglianza, il Protocollo promuove, tra le altre, azioni per la piena partecipazione di professionisti/e in ambiti di lavoro storicamente a prevalenza lavorativa di un solo genere. Impegno dei sottoscrittori anche a svolgere azioni di formazione permanente in tema di pari opportunità e non discriminazione e di sensibilizzazione per incrementare la consapevolezza del carico del lavoro di cura, per genere e dell’impatto che tale carico ha a livello contrattuale e pensionistico, anche coinvolgendo gli Organismi e/o Enti competenti.

Il Protocollo propone inoltre possibili sperimentazioni legate alla flessibilità dei tempi di apertura e negli orari degli uffici all’interno degli Ordini, nonché di elaborare e proporre misure per agevolare la conciliazione vita-lavoro, la condivisione dei carichi di cura e il supporto ai/alle caregiver. E ancora, favorire azioni per una paritaria condivisione dei tempi e degli impegni della cura con particolare attenzione all’essenziale funzione famigliare dei professionisti.

Si promuoveranno anche azioni di sensibilizzazione negli Ordini Professionali di contrasto alla violenza di genere e al mobbing  e per condividere/prevedere i principi di un possibile Protocollo di Rete per il contrasto alle molestie e alla violenza di genere nei luoghi di lavoro.


Impegno anche a organizzare iniziative culturali rivolte al contrasto alla violenza di genere, alle discriminazioni, al bullismo e al cyberbullismo anche attraverso eventi aperti alla cittadinanza e/o nelle scuole, Università, in raccordo con la Strategia ECCO! (Educazione Comunicazione e Cultura per le Pari Opportunità), e nei contesti lavorativi.

Non mancheranno azioni per promuovere la cultura dell’uguaglianza, come l’adozione di un linguaggio inclusivo scritto e parlato, nei testi amministrativi e nei regolamenti interni agli Ordini, al fine di diffondere una cultura contraria alle discriminazioni, che promuova la parità di genere, valorizzando le differenze. E ancora, promuovere la diffusione di vademecum e linee guida sul fair work, per favorire l’inclusione e garantire l’accesso al mondo del lavoro alle giuste condizioni di accesso alla professione al fine di non creare discriminazioni tra gli esercenti la professione, soprattutto con riguardo ai/alle giovani, e stimolare la correttezza dei rapporti tra titolari e collaboratori, anche e soprattutto quando iscritti agli Ordini, come fondamento di una professione sana, capace di crescere e di consolidarsi nel tempo, marginalizzando i comportamenti scorretti.

Infine, azioni di sensibilizzazione per diffondere, negli Ordini Professionali, la Rete territoriale Antiviolenza e dei servizi già esistenti previsti nell’Accordo di ambito metropolitano per la realizzazione di attività e interventi di accoglienza, ascolto e ospitalità per donne che hanno subito violenza e nei Protocolli per l'Autonomia Abitativa e Lavorativa delle donne vittime di violenza e nel Protocollo di intesa per il miglioramento della protezione delle donne che hanno subito violenza.

 
 
Data di pubblicazione: 10-07-2024
Data ultimo aggiornamento: 10-07-2024
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy