Bicipolitana bolognese: al via la nuova campagna di comunicazione "ci fa girare le ruote"

Oltre 2000 poster colorano le strade dei i 55 comuni metropolitani

foto dei manifesti affissi lungo i viali di Bologna
 

Città metropolitana e Comune di Bologna continuano insieme nella promozione  della cultura della bicicletta: a giugno sono stati presentati il nuovo sito con mappa interattiva e la nuova immagine coordinata della Bicipolitana bolognese, lanciato il concorso #estateinbicipolitana e il 17 settembre il Bike Pride ha visto per la prima volta un’edizione metropolitana, partecipata da 3000 persone, organizzata in sinergia dalle due istituzioni insieme alle associazioni fondatrici della storica parata in bicicletta.

La nuova campagna di comunicazione vede la bicicletta come uno degli elementi chiave delle strategie messe in campo per un vero cambio di passo culturale, come mezzo di trasporto urbano e metropolitano, per gli spostamenti quotidiani e per il tempo libero, alternativo ai mezzi a motore e complementare ad altri mezzi di trasporto sostenibili. Una campagna di comunicazione che ha l'obiettivo da un lato di raggiungere chi già usa la bicicletta e, dall'altro, chi non la usa  per invogliarlo a prendere in considerazione l’utilizzo di un mezzo diverso oppure se impossibilitato a rinunciare allo spostamento in auto e motorino, a considerare con più rispetto e pari dignità l'utente in bici, modificando il suo punto di vista sulla convivenza dello spazio della strada.

 

Con queste premesse è nata la nuova campagna Bicipolitana “ci fa girare le ruote”. Sono loro infatti - le ruote - le assolute protagoniste della campagna, sia visivamente che nel messaggio. Un gioco di parole che mantiene da un lato un’accezione volutamente provocatoria, con l’obiettivo di sensibilizzare le persone sulle tematiche dell’inquinamento, del traffico, del risparmio di tempo e denaro, della condivisione dello spazio stradale nel rispetto reciproco. Dall’altro conserva il significato più letterale dell’espressione, diventando invito esplicito a prendere la bicicletta e usare la Bicipolitana, la Rete ciclabile di Bologna metropolitana.

 

Quattro soggetti per parlare di quattro differenti tematiche, attraverso quattro diversi colori. Tutte declinazioni di un unico filone che rimane sempre coerente e assolutamente riconoscibile, anche grazie alla scelta cromatica che riprende i 4 colori dell’hashtag del logo Bicipolitana.

 

Una campagna pensata e costruita per muovere e mobilitare come esplicitato nel messaggio di chiusura “la mobilità che mobilita”.

Le ruote della Bicipolitana stanno girando su tutto il territorio metropolitano con una campagna di affissioni che per due settimane colorerà con oltre 2000 poster le strade di tutti i 55 comuni metropolitani fino a raggiungere i viali di Bologna i quattro soggetti sono stati declinati anche per i canali social in brevi animazioni che danno vita alle nostre ruote e le fanno letteralmente girare.

Con questa campagna Città metropolitana e Comune di Bologna prendono una posizione forte e chiara sul tema della ciclabilità e della realizzazione di un territorio sempre più connesso, accessibile, equo ed inclusivo.

 

La campagna è firmata da Jack Blutharsky, agenzia di comunicazione di Orange Media Group.

 

La rete

 

La Bicipolitana bolognese: 1.000 km di percorsi previsti (il cui completamento è previsto dal PUMS entro il 2030) di cui 405 esistenti, due reti principali (per tutti i giorni e per il tempo libero) e 34 linee complessive di cui 20 per gli spostamenti di tutti i giorni e 14 dedicate al tempo libero e al cicloturismo.

 

bicipolitanabolognese.it

 
 
Data di pubblicazione: 11-10-2022
Data ultimo aggiornamento: 24-10-2022
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy