Cambiamenti climatici e consumo di suolo, Officine per le rigenerazione e Fondo perequativo nuovi strumenti metropolitani per salvaguardare il territorio 

In corso 73 progetti di rigenerazione per 242 milioni di euro

Cambiamenti climatici e consumo di suolo, Officine per le rigenerazione e Fondo perequativo nuovi strumenti metropolitani per salvaguardare il territorio 
 

 

Le conseguenze ambientali e sociali del consumo di suolo e della dispersione insediativa. Le Officine per la Rigenerazione Metropolitana (ORMe) della Città metropolitana di Bologna come strumenti di innovazione amministrativa.

Sono questi i temi affrontati oggi a Bologna al convegno ”Cambiamenti climatici: il suolo e la rigenerazione urbana”, organizzato dalla Città metropolitana.

Bologna ha scelto di affrontare la sfida della rigenerazione e della preservazione del suolo da una prospettiva metropolitana: i temi della rigenerazione urbana e del consumo di suolo non riguardano solo le grandi aree urbane, ma sono trasversali a tutto il territorio dei 55 Comuni. La Città metropolitana propone quindi un modello di pianificazione e progettazione sperimentale e avanzato e strumenti più efficaci per favorire la rigenerazione urbana, a partire da nuove proposte di pianificazione e governance come le Officine per la Rigenerazione Metropolitana (ORMe).

 

73 progetti di rigenerazione per tutto il territorio metropolitano

Partendo dal Piano Territoriale Metropolitano e dalla legge regionale, sono nati circa 73 progetti di rigenerazione in tutto il territorio metropolitano che hanno ottenuto finanziamenti per 242 milioni di euro (Bando periferie – 2016 – 40 milioni di euro; PINQuA – 2021 – 45 milioni; PUI – 2022 – 157 milioni).

 

Il Fondo di perequazione metropolitano

L’approccio territoriale alle rigenerazione è dimostrato anche dall’istituzione del Fondo di perequazione metropolitano, dove confluisce il 50% degli introiti urbanistici di tutti i Comuni, e che viene annualmente distribuito fra i Comuni più fragili sempre per realizzare progetti di rigenerazione urbana, perché la lotta alle fragilità sociali ed economiche è una delle priorità del territorio metropolitano bolognese.

L’anno scorso, il primo anno, il fondo ha distribuito 700.000 euro per interventi per la produzione di energia pulita. Quest’anno la previsione è di 2,5 milioni di euro, e riteniamo che andrà a regime con circa 10 milioni di euro all’anno entro il 2026.

 

ORMe: le Officine per la Rigenerazione metropolitana

La Città metropolitana per dare maggior forza a tutto questo sta sottoscrivendo con i Comuni una sorta di patto di collaborazione, le Officine per la Rigenerazione metropolitana-ORMe, strumento che si propone come supporto progettuale, di formazione, di consulenza agli uffici tecnici comunali. Parallelamente insieme alla Regione è stato sottoscritto un accordo territoriale che dice basta a nuovi insediamenti di logistica sul nostro territorio.

 

Il convegno è stato promosso da Città metropolitana con il patrocinio di Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna, SPISA UNIBO, e di ASSO Ingegneri e Architetti, CIA Emilia Centro, Coldiretti Bologna, Confagricoltura, INU Emilia-Romagna, Fondazione Innovazione Urbana, Ordine Ingegneri Bologna, Ordine Architetti Bologna, Società Italiana degli Urbanisti, Terra Viva Cisl.

 
 
Data di pubblicazione: 2023-02-23
Data ultimo aggiornamento: 21-03-2023
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy