Imprenditoria in Appennino, il 5 marzo all'ex cartiera Burgo di Lama di Reno incontro e workshop per aspiranti imprenditori

Le realtà che porteranno la propria testimonianza sono: Scoiattolo, Dismeco, Cartiera, Il Poggiolo di Monte Sole, la cooperativa di comunità Palens, e altre

Immagine dell'iniziativa
 

Come avviare e sviluppare un'impresa in Appennino e quali sono gli strumenti pratici che si possono utilizzare? Per rispondere a questa domanda, lo sportello Progetti d'Impresa BIS Brasimone della Città metropolitana di Bologna, in collaborazione con il Comune di Marzabotto, organizza l'evento "Imprenditoria in Appennino. Testimonianze e strumenti pratici per avviare e sviluppare un’impresa", in programma per il prossimo 5 marzo, dalle ore 16.30, all'ex cartiera Burgo di Lama di Reno, comune di Marzabotto. Alcune realtà già insediate in Appennino racconteranno come hanno mosso i primi passi, per passare dall'idea alla costituzione.

Le realtà che porteranno la propria testimonianza sono: Scoiattolo, Dismeco, Cartiera, Il Poggiolo di Monte Sole e cooperativa di comunità Palens.

 

L'incontro, rivolto in particolare ad aspiranti imprenditori e imprenditrici, studenti e studentesse, enti del terzo settore, è aperto a tutta la cittadinanza. Sarà anche occasione per presentare il progetto di rigenerazione della Cartiera, il progetto BIS Bologna Innovation Square Brasimone e gli sportelli che lo compongono.

Nella prima parte dell’incontro previsto anche l’intervento di Gianluigi Chiaro - Area Proxima sul tema “Come progetti di microimprese attivano processi di rigenerazione urbana partendo da una spinta pubblica”.

Seguirà poi la tavola rotonda con le testimonianze delle imprese e un workshop curato dagli esperti di Progetti d'Impresa, per approfondire il Business Model Canvas (BMC), uno strumento utile a definire il modello di pianificazione aziendale che può essere utilizzato da imprese, aspiranti imprenditori e imprenditrici, enti del terzo settore.

 

"Fare imprenditoria in Appenino è sempre una sfida, fortunatamente ci sono esempi virtuosi di persone che hanno creduto nelle potenzialità, nelle ricchezze dei nostri territori e stanno contribuendo allo sviluppo dell'Appennino. - commenta Valentina Cuppi, sindaca di Marzabotto - Noi come istituzioni stiamo cercando di creare le condizioni per favorire il fiorire delle tante attività che si moltiplicano, condividendo una visione comune".

 

"L'organizzazione di eventi come questo è una preziosa attività che mira non solo a informare, ma anche a coinvolgere cittadine, cittadini e imprese sulle progettualità e sui servizi che le istituzioni hanno attivato per lo sviluppo del territorio. - afferma Rosa Grimaldi, delegata alla promozione economica e attrattività, innovazione, imprese e start-up, industrie culturali e creative, impatto del tecnopolo di Città metropolitana e Comune di Bologna - Attraverso il progetto BIS - Bologna Innovation Square abbiamo creato una piattaforma dell'innovazione con l'obiettivo di favorire connessioni tra gli attori che già producono innovazione nei territori al fine di moltiplicare e ampliare l'impatto delle singole azioni. BIS ha diverse sedi sul territorio, a Bologna, presso il centro Enea del Brasimone, presto a Imola, proprio perché crediamo che l'innovazione sia da ricercare e valorizzare a partire dai territori. L'incontro all'ex cartiera, con la partecipazione di imprese e startup locali di grande interesse, va proprio in questa direzione".

 

L'evento è gratuito, ma per partecipare è necessario compilare questo form online.

La locandina dell'iniziativa


Alcune immagini dell'incontro e le interviste a Valentina Cuppi e Maurizio Fabbri

 
 
Data di pubblicazione: 22-02-2024
Data ultimo aggiornamento: 07-03-2024
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy