Istituzione Gian Franco Minguzzi: approvato il Bilancio di previsione e il Programma delle attività per il 2022

Focus su salute mentale, disabilità, disagio minorile e contrasto alla dispersione scolastica

hikikomori
 

Il Consiglio metropolitano, nella seduta del 26 gennaio, ha approvato all’unanimità il Bilancio di previsione e il Programma delle attività per il 2022 dell'Istituzione Gian Franco Minguzzi.

Il 2022 punterà soprattutto a incrementare i momenti di approfondimento nel campo della salute mentale, del disagio minorile e del contrasto alla dispersione scolastica.

Il Minguzzi lab, il laboratorio interistituzionale metropolitano su un'idea ampia e moderna di salute mentale e di comunità, nel 2022 affronterà due macro aree tematiche riguardanti “Specificità e trasversalità del disagio mentale e sociale nelle diverse popolazioni del territorio” e “Strategie istituzionali a confronto con i diritti dei cittadini”. Temi scelti anche in considerazione delle nuove dimensioni epidemiologiche emerse dallo scenario post-pandemico, dell’importanza crescente assunta dalla partecipazione attiva della rete delle associazioni degli utenti, dei familiari e del volontariato, e della ristrutturazione dei servizi sociosanitari per una maggiore affermazione delle Case della Salute e delle Case di Comunità, in co-progettazione tra i Dipartimenti di Salute mentale, gli Enti locali e il Terzo settore.

Nel 2022 si allargherà inoltre a tutti i Distretti la metodologia del Budget di Salute, lo strumento che definisce le risorse economiche, professionali e umane necessarie per restituire centralità alla persona, attraverso un progetto individuale globale. Questa attività sarà monitorata per captare eventuali bisogni formativi. Si svolgeranno inoltre momenti di restituzione del monitoraggio, in particolare sui benefici per le persone coinvolte, gli operatori e la comunità locale.

In merito alle politiche sociali ed educative, nel 2022 proseguirà l'attività sul tema del disagio minorile e del contrasto alla dispersione scolastica. Questo avverrà nell’ambito del Piano per l’orientamento e il successo formativo, fornendo supporto al Coordinamento metropolitano infanzia e adolescenza, con approfondimenti sull’operatività e sulle funzioni degli sportelli d’ascolto a scuola, sul tema dei ritirati sociali e dei “giovani adulti in transizione” (i Neet). Attenzione anche al tema, sollecitato da diversi interlocutori locali, del rapporto degli adolescenti con le nuove tecnologie.

Confermata anche l'intenzione di condurre ulteriori interventi informativi sulle forme innovative di domiciliarità per le persone anziane non autosufficienti.

Inoltre, tra le diverse iniziative legate agli archivi, nel 2022 proseguirà il ciclo di seminari “Welfare nascente” nell’ambito del progetto “Memorie vive”, in collaborazione con IRESS e Comune di Bologna, focalizzandosi sul proseguimento delle politiche per i minori e le famiglie dagli anni ‘80 a oggi. Sempre nell’ambito di “Memorie vive”, nel 2022 si approfondirà il tema delle disabilità, con la ricostruzione di alcuni momenti fondamentali della storia dei diritti per le persone disabili.

Partirà nel 2022 anche una ricognizione sulle politiche a favore delle persone con disabilità nell’area metropolitana e un confronto con le associazioni attive nel settore per individuare le principali criticità. Un tema che riveste un particolare interesse per l’Istituzione riguarda l’accessibilità relazionale, cioè le difficoltà, gli stereotipi e gli stigmi che talvolta pregiudicano una comunicazione corretta con le persone con disabilità.

Nell’ambito interculturale, in collaborazione con l'Area Sviluppo sociale della Città metropolitana, proseguiranno i progetti “Un ponte di parole”, Trame educative e Il tè con le Attiviste che nel 2022 avvierà un percorso scolastico sul riconoscimento delle figure femminili importanti di origine afrodiscendente.

Per il progetto “Ogni Lingua vale” verrà prodotto un documento che illustrerà il lavoro svolto nel 2021 nelle scuole secondarie di primo grado e nei CPIA. Vi saranno due presentazioni, una durante la giornata della lingua madre, il 21 febbraio 2022 e un’altra nel settembre 2022, all’interno dell’offerta formativa 2022 per supportare chi volesse realizzare i percorsi nelle proprie scuole.

Per quanto riguarda l'aspetto economico, la situazione si presenta positiva e stabile, potendo prevedere la conferma dei finanziamenti assegnati negli ultimi anni sia dalla Città metropolitana, sia da altri enti per la realizzazione di interventi specifici, tra cui il progetto Teatro e salute mentale e il Servizio Sostengo.

“Il programma di lavoro 2022 – ha sottolineato la consigliera delegata Sara Accorsi – prosegue dando continuità ai progetti avviati e aprendo nuove piste di lavoro consapevoli che questo è un momento estremamente importante di cambiamento per la costruzione di un welfare di prossimità. Crediamo che l’Istituzione possa dare un contributo operando, così come ha fatto finora, per creare ponti e luoghi di pensiero, sempre nella dimensione metropolitana, fra operatori ed esperti del settore, fra docenti universitari e soggetti del terzo settore, fra cittadini e amministratori”.

Link: Istituzione Gian Franco Minguzzi

 
 
Data di pubblicazione: 31-01-2022
Data ultimo aggiornamento: 31-01-2022
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy