Protocollo d'intesa tra le Città metropolitane e i Comuni di Bologna e Firenze

I sindaci Lepore e Nardella hanno sottoscritto il Patto che individua gli ambiti su cui progettare insieme

I Sindaci Lepore e Nardella firmano il protocollo
 

Un protocollo d’intesa triennale tra le Città metropolitane e i Comuni di Bologna e Firenze per individuare gli ambiti di interesse comune su cui sviluppare una piattaforma integrata di progettualità. Lo hanno sottoscritto il 28 giugno i due sindaci metropolitani, Matteo Lepore (Bologna) e Dario Nardella (Firenze), convinti che, Bologna e Firenze, Città metropolitane confinanti, collegate da una velocissima infrastruttura ferroviaria e da una nuova infrastruttura autostradale, si possono configurare di fatto come un unico sistema territoriale, che esprime forti potenzialità a livello internazionale per le eccellenze economiche, culturali, ambientali.

I due territori riconoscono nell'Appennino tosco-emiliano la cerniera e il collegamento strategico tra sistemi ambientali omogenei, valori culturali comuni, eccellenze paesaggistiche, identità storiche condivise. Da qui la volontà di mettere nero su bianco gli ambiti sui quali impegnarsi a collaborare per il futuro.

 

Le due Città metropolitane, vogliono in particolare attivare collaborazioni per promuovere la loro presenza e il posizionamento a livello internazionale, attraverso la progettazione di grandi eventi, la definizione congiunta dei programmi fieristici, la condivisione di strategie comuni nell’attrazione di investimenti produttivi e nello sviluppo di piattaforme logistiche, lo sviluppo di relazioni comuni con le altre Città europee.

 

Importante anche valorizzare e promuovere la rete nazionale delle Città metropolitane, anche attraverso lo scambio di buone prassi e la proposta di modelli comuni di azione amministrativa. Convengono inoltre di proporre al Governo una piattaforma comune per garantire autonomia e stabilità finanziaria ai nuovi enti e proposte di adeguamento della Legge 56/2014, alla luce dei risultati dei primi anni di attuazione della riforma istituzionale.

Stabiliscono altresì di sviluppare progettazioni comuni nell'ambito dei Programmi Regionali e dei PON nazionali, e di potenziare la collaborazione nella fase attuativa del PON Città metropolitane 2021-2026.

 

Bologna e Firenze hanno scelto in modo deciso la strada della sostenibilità e vogliono condividere un programma di lavoro comune che favorisca il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda metropolitana 2030 per lo Sviluppo sostenibile. Le Parti concordano inoltre sull’esigenza di attivare forme di collaborazione nel campo della pianificazione strategica.

 

Sulla mobilità si ritiene strategico investire nel potenziamento delle diverse forme di connessione tra Bologna e Firenze, per consentire a cittadini, turisti e studenti una fruizione integrata. Centrale in tale processo sarà il rafforzamento del servizio pubblico, anche sperimentando nuove forme di utilizzo dell'idrogeno, e la realizzazione di nuove infrastrutture ciclabili.  

 

Per cultura e turismo l’obiettivo è quello della promozione congiunta, condividendo gli obiettivi, definendo prodotti turistici comuni e attivando forme di confronto sulle modalità di sviluppo delle eccellenze museali, coordinando le attività di informazione e accoglienza turistica per itinerari e prodotti turistici comuni. E ancora, nuove di forme di collaborazione nell’offerta di spettacoli ed eventi, promuovendo un cartellone comune, anche grazie alla attivazione di nuovi collegamenti serali dell’Alta velocità e sperimentando una offerta museale comune. 

 

Bologna e Firenze ritengono che i sistemi metropolitani rappresentino ambiti privilegiati per la sperimentazione di forme di innovazione, per lo sviluppo economico e territoriale, per la qualificazione del lavoro. Nel solco dei progetti di rigenerazione che entrambe stanno sviluppando, condividono di progettare una visione comune delle città come luogo di condivisione di un Piano della scienza. Inoltre, sostengono la “Proposta di legge di iniziativa popolare per la Salvaguardia del decoro, della vivibilità e dell’identità dei centri storici”. 

 

L'Appennino è ritenuto dalle due Città metropolitane ambito territoriale unitario caratterizzato da emergenze ambientali, eccellenze paesaggistiche, rilevanze culturali, identità storica comune. Bologna e Firenze ritengono prioritario promuovere lo sviluppo e il rilancio dell'Appennino attraverso progetti integrati con l'obiettivo di contrastare lo spopolamento e garantire una fruizione sostenibile. Le progettualità, da condividere con le Regioni, si concentreranno nella promozione economica, ambientale, turistica, culturale dell'Appennino, individuando nel potenziamento dei collegamenti il perno per una fruizione sostenibile e per aumentare la qualità di vita dei residenti. Condividono in particolare di investire in modo congiunto per il completamento del tratto Bologna-Firenze della Ciclovia del Sole e delle Ciclovia della Lana e della Seta. 

 

Le Parti individuano infine nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, a partire dalle progettazioni relative ai Piani Urbani Integrati, un’opportunità strategica per l'attuazione degli obiettivi del protocollo, anche attraverso progettazioni congiunte. 

 

Bologna e Firenze, consapevoli che la recente crisi ha aumentato le diseguaglianze e che è necessario individuare nuove policy di genere, vogliono promuovere azioni congiunte per contribuire all’attuazione della Strategia nazionale 2021-2026 per la parità di genere, condividendo programmazioni e buone prassi. 

 

Città metropolitana di Bologna e di Firenze condividono infine come metodo per favorire lo sviluppo dei due enti la definizione di una agenda comune di temi per l’innovazione amministrativa, assumendo come principio di efficienza amministrativa il reciproco riconoscimento delle competenze distintive.

LinkGalleria fotografica

 
 
Data di pubblicazione: 28-06-2022
Data ultimo aggiornamento: 05-07-2022
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy