Rinnovato per il 2022 il "Protocollo Sfratti"

Confermate le misure straordinarie di intervento per la riduzione del disagio abitativo, ai Comuni della città metropolitana oltre 700 mila euro

Immagini case
 

È stato approvato con atto del Sindaco metropolitano il rinnovo del Protocollo d’intesa contenente misure straordinarie di intervento per la riduzione del disagio abitativo promosso da Città metropolitana, Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Tribunale di Bologna, Comuni dell’area metropolitana bolognese, Ordine degli Avvocati di Bologna, sindacati e associazioni rappresentative dei proprietari e degli inquilini.

“Dal 2011 il Protocollo sfratti offre una risposta concreta a tutti quei cittadini e quelle famiglie che vivono un problema abitativo – sottolinea Sara Accorsi, consigliera metropolitana delegata alle Politiche per la casa - Con questo rinnovo diamo dunque continuità a una misura di sostegno alla locazione importante, uno strumento concreto nelle mani dei Comuni per poter sostenere inquilini e piccoli proprietari, interrompendo l’effetto di propagazione a “cascata” della crisi economica. Come il Protocollo ha in precedenza recepito, ad esempio, il tema delle contrazioni dei redditi conseguenti all'emergenza Covid-19, così, nel quadro generale odierno, caratterizzato dallo sblocco degli sfratti e dal rincaro delle bollette, sarà importante mantenere un confronto costante tra i firmatari del Protocollo per valutare l’opportunità di introdurre eventuali modifiche, in caso di provvedimenti governativi o iniziative sperimentali con finalità di prevenzione, contrasto e sostegno del disagio abitativo, a valere su risorse europee, statali o regionali”.

Il Protocollo disciplina criteri e modalità di gestione delle risorse stanziate a livello statale e regionale per far fronte a situazioni di disagio abitativo su tutto il territorio metropolitano.
Ai Comuni ad Alta Tensione Abitativa (ATA) e Alto Disagio Abitativo (ADA), sono destinate le risorse del Fondo Nazionale per gli Inquilini morosi incolpevoli, finanziato annualmente da decreti ministeriali, l’ultimo dei quali, Decreto del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze del 30 luglio 2021, assegna alla Regione Emilia-Romagna oltre 4,3 milioni di euro. Di queste risorse, i Comuni della città metropolitana di Bologna sono destinatari complessivamente di circa 929 mila euro, che gestiscono direttamente e sono così ripartiti: 371 mila al Comune capoluogo e 558 mila ai Comuni dell’area metropolitana classificabili ATA e ADA.

In particolare, i Comuni ATA saranno destinatari del 60% delle risorse: Imola; Casalecchio di Reno; San Lazzaro di Savena; Zola Predosa; Castel Maggiore; Pianoro; Castenaso; Sasso Marconi; Calderara di Reno; Granarolo dell'Emilia; Anzola dell'Emilia.

Il 40% viene dunque assegnato ai Comuni ADA: Valsamoggia; San Giovanni in Persiceto; Castel San Pietro Terme; Budrio; Medicina; Molinella; Ozzano dell'Emilia; Crevalcore; San Pietro in Casale; Monte San Pietro.

Per tutti i Comuni dell’area metropolitana, non annoverabili nella classificazione ATA o ADA, le risorse per il sostegno all’affitto provengono invece dal Fondo regionale per l’Emergenza abitativa, il cui ultimo stanziamento per la Città Metropolitana di Bologna (Delibera della Giunta Regionale n. 2365/2019) è di 200 mila euro. La gestione di questi ultimi fondi è affidata ad Acer Bologna.

 
 
Data di pubblicazione: 10-02-2022
Data ultimo aggiornamento: 10-02-2022
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy