Sicurezza del territorio, dalla Regione sei milioni e mezzo di euro per il territorio bolognese

La quota più rilevante è destinata alla messa in sicurezza del torrente Idice

Alluvione del novembre 2019
 

Nei giorni scorsi il presidente della Giunta regionale, Stefano Bonaccini, ha firmato il decreto che destina al territorio bolognese circa 6 milioni e mezzo di euro per finanziare 17 interventi di messa in sicurezza del territorio. La quota più rilevante (2 milioni e mezzo) è destinata alla messa in sicurezza del torrente Idice, per proseguire nelle opere di sicurezza già avviate dopo la rotta del novembre 2019.
Nel dettaglio: Maxi-cantiere da 2 milioni e mezzo tra Budrio, Medicina, Molinella (Bo) e Argenta (Fe) per il ripristino delle condizioni di sicurezza dei tratti del fiume Idice maggiormente danneggiati dall’evento di piena del 2019.

Sempre tra Budrio e Molinella, altri 950mila euro sono assegnati al Consorzio della Bonifica Renana per completare il ripristino, il risezionamento e la sistemazione di frane che interessano i canali consortili lungo l’Idice: si tratta ancora una volta di lavori necessari a seguito alla rottura dell’argine di due anni e mezzo fa. Ancora il Consorzio si occuperà di un primo stralcio di opere di messa in sicurezza dello scolo Lorgana, a Malalbergo, per 400mila euro.

Sul Savena Abbandonato sono in arrivo 740mila euro per la riduzione del rischio idraulico tra Malalbergo, Bentivoglio, Baricella, Minerbio e Castel Maggiore; a Budrio 140mila euro serviranno alla manutenzione dell'impianto idrovoro Canale Fossano; 80mila euro sono riservati al ripristino di aree golenali e delle sponde del torrente Quaderna, tra Budrio, Ozzano e Medicina, nell’area compresa tra le frazioni di Ponte Rizzoli, Prunaro e la Provinciale 253. A Castel San Pietro con 350 mila si svolgerà un intervento urgente per assicurare la piena officiosità del Torrente Gaiana.

A San Benedetto Val di Sambro, in località Cà di sotto, sono previsti lavori per il ripristino del profilo e delle difese spondali del torrente Sambro (380mila euro); a Lizzano in Belvedere, con oltre 111mila euro sarà messo in sicurezza un tratto di strada comunale Farnè. A Camugnano sono in vista due cantieri per il ripristino della strada comunale di San Damiano (30mila euro) e della scarpata di monte lungo la Provinciale 43 Rio Confini-Badi (80mila). Con 40mila euro, a Gaggio Montano, si interverrà sul movimento franoso in località Pianelli-Braina; 110mila euro di lavori viabilisti sono programmati a Loiano, in via Molino Mingano, dove sarà anche messa in sicurezza la scarpata; altri 80mila a Pianoro permetteranno opere di difesa in via dei Gruppi. Ben 400 mila euro sono destinati a Monzuno per demolire il ponte stradale sul torrente Setta, a Molino Cattani, realizzare un percorso alternativa e sistemare l’alveo fluviale. A San Benedetto Val di Sambro sono in arrivo 60mila euro per via Serrucce, a Ripoli Santa Maria Maddalena; altri 40mila a Vergato per la comunale per Liserna.

 

 
 
Data di pubblicazione: 01-03-2022
Data ultimo aggiornamento: 01-03-2022
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy