Territorio e riqualificazione urbana, dalla Regione Emilia-Romagna 8 milioni di euro

I fondi sono destinati a cofinanziare interventi in 16 comuni dell’area metropolitana

Anziani a passeggio
 

Biblioteche, luoghi per i giovani e centri per anziani, aree polivalenti e sportive. Ma anche per attività culturali, sociali e assistenziali, oltre che strutture turistiche. Nuovi spazi a disposizione della collettività e delle comunità locali, in cui ospitare nuovi servizi laddove prima sorgevano ex scuole, vecchie sedi comunali, depositi o magazzini: edifici pubblici, spesso parte importante dell’identità di un luogo, ma da tempo dismessi o non più in uso. Che ora rinascono a nuova vita senza ulteriore consumo di suolo.

La Regione Emilia-Romagna ha stanziato quasi 8 milioni di euro per cofinanziare interventi in 16 comuni dell’area metropolitana bolognese, nell’ambito del bando sui progetti di riqualificazione urbana. La priorità è stata data ai Comuni con meno di 60 mila abitanti, a quelli montani e delle aree interne e a quelli che ancora non hanno ricevuto finanziamenti. E alle opere dal forte impatto ambientale. Nuovi spazi di comunità, nuovi servizi e funzioni grazie al recupero di edifici pubblici dismessi che rinascono a nuova vita.

Grazie al cofinanziamento degli Enti locali sul territorio metropolitano si genereranno in totale investimenti per oltre 15,8 milioni di euro.

Gli interventi riguardano in particolare i Comuni di:
Bentivoglio: rigenerazione porzione municipio in disuso e area esterna per la costituzione dell’Osservatorio sociale distrettuale.
Castel di Casio: rigenerazione di unità immobiliari dismesse per la creazione di un Centro socioculturale e ambulatoriale, con servizi di prossimità.
Castel Guelfo: rigenerazione con riqualificazione architettonica e funzionale dell’immobile denominato “Ex Cantine Fabbri”.
Castenaso: progetto “Una Casa Senza Barriere”, per la riqualificazione di Casa Tosarelli a Villanova.
Crevalcore: progetto “Rigenera Palata”, un nuovo spazio di comunità a Palata Pepoli, con un centro civico e una piazza-giardino.
Marzabotto: rigenerazione socioculturale con rifunzionalizzazione di spazi comunali in teatro-sala proiezioni, emporio solidale e rigenerazione urbana, ambientale.
Medicina: Il Carmine, laboratorio culturale urbano.
Minerbio: progetto “Sinfonia”, per il riuso e rigenerazione urbana delle ex scuole di tintoria.
Monghidoro: secondo stralcio della ristrutturazione con miglioramento sismico dell’edificio adibito a centro sociale culturale denominato “Il Faro”, diventerà uno spazio polifunzionale e un centro di aggregazione per l’intera comunità, e ospiterà tra l’altro un museo della musica legato a Gianni Morandi.
Monzuno: progetto “Uno spazio al Centro per le valli Setta e Sambro”.
Pieve di Cento: progetto “Stazione giovani: in partenza per le rigenerazioni”.
San Benedetto Val di Sambro: rigenerazione urbana di Palazzo Ranuzzi de Bianchi per la realizzazione di un polo territoriale di servizi alle persone e alla comunità.
San Giovanni in Persiceto: progetto “Prossima fermata: ri-generazione”. Intervento di recupero e rifunzionalizzazione del fabbricato “Ex Caserma dei Carabinieri”.
San Lazzaro di Savena: progetto “Rigenerare la terra per rigenerare le città: La Fattoria del dono”, prima fase del recupero del complesso rurale via Scuole del Farneto.
Sasso Marconi: riqualificazione e recupero dell’ex-scuola di Pontecchio Marconi: Bed&Bike “La Scuola” – rigenerazione sulla Via della Lana e della Seta.
Vergato: progetto “Gotica 64”, nuovo centro socio-culturale da adibire a museo della linea gotica, spazio pubblico polivalente per giovani e nuovo parco urbano.

 
 
Data di pubblicazione: 23-03-2022
Data ultimo aggiornamento: 23-03-2022
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy